Archivio per la Categoria ‘Scienza e ricerche’ Category

Categoria: Scienza e ricerche

Nessun commento

L’interrogativo è tanto semplice quanto decisivo: come lavoreremo e vivremo domani? Cercare di rispondere in modo chiaro, costruire uno scenario concreto, verificabile e “spendibile” di qui a pochi anni, dare un senso alla parola ‘sviluppo’, è complicato. Eppure, è questo l’obiettivo ambizioso di ‘Futuro Prossimo‘, un ciclo d’incontri – organizzato nell’ambito del Festival della Scienza. Di progetti nuovi. In alcuni casi di idee concrete che stanno nascendo nel nostro Paese. Come quella dell’agrivillaggio, una sorta di incrocio fra un’azienda agricola e un quartiere eco-sostenibile a impatto (quasi) zero, un progetto-pilota che potrebbe sorgere alle porte di Parma. Un’idea che quindici anni fa ha cominciato a prendere forma nella testa e nel cuore di Giovanni Leoni, imprenditore agricolo di Vicofertile, zona della città emiliana che dista tre chilometri dal centro abitato. Un contadino cosmopolita, con la passione per i viaggi e per la saggistica: la base teorica del suo progetto sono le teorie urbanistiche di Frank Lloyd Wright (l’utopia del contadino integrato alla città de ‘La città vivente’), assorbite come un’illuminazione durante un viaggio a Chicago, e la visione economica e sociale di gente come Jeremy Rifkin (la ‘fine del lavoro’: la tecnologia ci permette di ottimizzare i tempi, di lavorare meno e meglio) e Maurizio Pallante.

Categoria: Scienza e ricerche

Nessun commento

Il satellite LARES dell’Agenzia Spaziale Italiana, ideato e progettato dall’Università del Salento e dall’Università La Sapienza di Roma, dopo essere stato iniettato lo scorso lunedì in orbita con il volo di qualifica del nuovo lanciatore VEGA dalla base di Kourou (Guiana), funziona perfettamente. Venerdì scorso, infatti, le stazioni di laser ranging di Dongara in Western Australia e di Graz in Austria hanno osservato i fotoni laser di ritorno dal satellite. Questi impulsi laser, inviati e ricevuti dalle numerose stazioni internazionali, permetteranno il suo posizionamento e la ricostruzione della sua orbita con grande accuratezza. Ciò consentirà importanti verifiche di relatività generale e misure di geodinamica e geodesia spaziale.